Affitti cedolare secca: aiuti alle famiglie con figli a carico

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampa

 

 

La nuova bozza del decreto legislativo sul federalismo municipale prevede aiuti alle famiglie con figli a carico per quanto riguarda i costi dell‘affitto. La bozza è stata presentata a Camera e Senato, in questi giorni, dal ministro per la Semplificazione, Roberto Calderoli.

La proposta di Calderoli è di mettere in bilancio 400 milioni di euro da destinare alle famiglie con figli a carico (a seconda del numero di figli) che devono affittare un appartamento. Si tratta di uno dei vantaggi offerti dal nuovo sistema di cedolare secca, che prevede una tassazione sugli affitti proporzionale al canone di locazione e non più proporzionale al reddito del proprietario.

I criteri di assegnazione dei 400 milioni non sono stati ancora ufficializzati, dato che la legge sul federalismo è ancora una bozza in discussione e con numerosi emendamenti da rivedere. Comunque, gli aiuti dovrebbero partire dal 2012, dopo che una parte del gettito derivante da cedolare secca sarà destinato all’istituzione di un apposito fondo per le famiglie.

Unico requisito d’accesso che già si conosce: l’abitazione in affitto per la quale si richiede il sussidio deve essere segnata come “principale” e l’importo varierà in base al numero di figli a carico. Per conoscere le altre agevolazioni attualmente in corso o in programma per le famiglie a basso reddito, ecco qualche utile link da poter consultare:

agevolazioni fiscali per cittadini disabili e familiari (spese sanitarie, spese apparecchiature d’ausilio, sgravi fiscali per figli a carico, Iva, Irpef e bollo auto);

bonus bebè comunali, provinciali o regionali per agevolare chi ha appena avuto un bambino e deve affrontare nuove spese;

Bonus famiglia con sgravi fiscali per i redditi più bassi come richiesto da Adusbef e Federconsumatori lo scorso dicembre.

 

(fonte www.vostrisoldi.it)

.