Risparmio energetico: nuove etichette sugli elettrodomestici

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampa

 

Sono già arrivate sul mercato le nuove etichette per “leggere” il risparmio energetico sugli elettrodomestici nuovi. Le aziende produttrici avranno tempo fino a dicembre 2011 per mettersi a norma con i 4 regolamenti UE sulle efficienze energetiche di lavastoviglie, frigoriferi e lavatrici. Ma molte aziende hanno già messo in commercio i modelli dotati delle nuove etichette.

Di che si tratta? Oltre alle classi “A” alle quali siamo abituati, i nuovi regolamenti europei introducono tre nuove classi: A+, A++ e A+++. Si tratta di elettrodomestici “puliti” se si considera che le classi energetiche vanno da A a G a seconda del consumo di energia e anche dell’impiego di acqua. Il sistema di classificazione vale, ovviamente, anche per i televisori.

Tornando alle aziende produttrici, invece, Greenpeace rende noto di aver stilato il nuovo “libro verde” delle marche più virtuose, cioè rispettose dell’ambiente oltre che attente al mercato. Il risparmio energetico, poi, si pratica anche con la gestione consapevole dei consumi. Acquistare una ciabatta con interruttore, ad esempio, aiuta a risparmiare fino a 60 euro all’anno sulla bolletta della luce, perchè gli apparecchi elettronici consumano energia anche quando sono in posizione di stand – by.

Infine, quando si fa un nuovo acquisto, ricordarsi di fare correttamente la raccolta differenziata, selezionando a monte i diversi materiali di cui è composto solitamente l’imballaggio (cartone, polistirolo, plastica).

 

(fonte www.vostrisoldi.it)

.