Imu 2012, le aliquote città per città

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampa

Le manovre locali già definite o in corso di definizione stanno contribuendo a variare il panorama dell’imposta municipale unica, introducendo alcune variazioni importanti rispetto alle aliquote base. Sebbene la prima rata d’acconto venga calcolata sulla base delle aliquote standard, cerchiamo di iniziare a comprendere quale è stato l’atteggiamento dei Comuni in merito all’esercizio delle proprie autonomie IMU.

La maggior parte delle municipalità hanno provveduto a penalizzare le seconde case, limitando gli incrementi sulle prime case. Altri hanno invece rincarato la dose anche sulle abitazioni principali, venendo così incontro alle proprie esigenze di cassa.

Ecco un nostro riepilogo: (fonte www.vostrisoldi.net)

Comune Abitazione principale Casa affittata Casa sfitta
TORINO 0,575 1,06 1,06
MILANO 0,4 1,06 1,06
GENOVA 0,4 0,76 0,76
VENEZIA n.d. n.d. n.d.
TRENTO 0,4 0,783 1,06
BOLZANO 0,4 0,76 0,76
TRIESTE 0,39 0,97 1
BOLOGNA 0,4 1,06 1,06
FIRENZE 0,4 0,99 1,06
ANCONA 0,4 1,06 0,76
PERUGIA 0,4 0,76 0,76
ROMA 0,5 1,06 1,06
L’AQUILA n.d. n.d. n.d.
NAPOLI 0,5 1,06 1,06
CATANZARO n.d. n.d. n.d.
CAMPOBASSO 0,4 0,76 0,76
BARI n.d. n.d. n.d.
POTENZA 0,4 0,76 0,76
PALERMO 0,48 0,96 0,96
CAGLIARI 0,5 0,86 1,06
.